Dove gli imprenditori rafforzano le aziende.

Voi, come imprenditrici e imprenditori, siete al centro di tutto quello che facciamo all’RCI. Sostenervi così che possiate plasmare con successo le diverse sfide e il vostro futuro - in un mondo caratterizzato da cambiamenti sempre più rapidi - è il nostro impegno e il nostro obiettivo. In modo che le aziende rimangano ciò che sono oggi: la colonna portante della Svizzera.

 

 

Supporto da pari a pari.
All’RCI l'attenzione si concentra sullo sviluppo congiunto della soluzione su misura che funziona nella vita di tutti i giorni. Nel fare ciò i nostri imprenditori offrono sostegno, scambio e supporto. Per questo li chiamiamo accompagnatori e non consulenti.

L’approccio migliore è quello personale.
Colloqui individuali, consulenza, sostegno, workshop di gruppo: tutto rimane sempre in un contesto personale, in modo che l'attenzione si concentri sul beneficio per il singolo.

Un buon network è già una mezza vittoria.
L’RCI offre l'accesso a una rete di esperti di circa 300 imprenditori di successo. Vi consigliamo, vi alleniamo, vi accompagniamo e vi sosteniamo in tutte le fasi della vostra azienda, dalla fondazione alla successione.

Incontri preziosi.
In occasione dei nostri eventi e nel più grande business club della Svizzera, personalità provenienti da tutto il Paese si incontrano per uno scambio vivace, traggono vantaggio l'una dall'altra e possono allacciare contatti preziosi.

Le piccole e medie imprese sono il sostegno del paese

  • Nella regione forniscono posti di lavoro e valore aggiunto.
  • Creano valori, futuro e senso d’appartenenza per i dipendenti, gli apprendisti e i clienti.
  • Sono partner affidabili e disponibili.
  • Sono impegnate in prima persona con il loro lavoro e la loro parola.
  • Vivono gli ideali svizzeri e li portano nel mondo.

Per gli imprenditori. Dagli imprenditori.

I nostri accompagnatori non sono teorici, ma imprenditori di successo. In quanto tali, conoscono molto bene le vostre sfide aziendali e possono quindi sostenervi e accompagnarvi nel vostro lavoro in modo più onesto, aperto e migliore.

Al colloquio d’affari gratuito

Conseguenze della crisi legata al coronavirus sul mercato immobiliare

Le conseguenze economiche del coronavirus si abbattono con forza sui mercati finanziari e sull'economia reale. Mercati estremamente volatili, innumerevoli aziende dei più diversi settori in difficoltà finanziarie e pacchetti di aiuti di portata inimmaginabile danno un'idea della vastità della crisi. A causa delle interruzioni della produzione nei mesi di marzo e di aprile, quest'anno sarà inevitabile una profonda recessione, afferma Martin Neff, economista capo di Raiffeisen Svizzera. E di conseguenza ora crescono le preoccupazioni anche sul mercato immobiliare. Raiffeisen Economic Research ha elaborato in merito una prima stima in merito alla situazione attuale.

15.04.2020

La proprietà di abitazione rimane stabile
La proprietà di abitazione è molto amata in Svizzera e nonostante la crisi mantiene la sua attrattiva. In ragione di una certa saturazione e delle attuali incertezze, tuttavia, bisogna aspettarsi un lieve calo del numero delle transazioni nei prossimi trimestri. Questo perché i venditori si attengono ancora ai prezzi del periodo precedente alla crisi, mentre l'atteggiamento dei potenziali acquirenti diviene più cauto. Il blocco dell'immigrazione, al contrario, non ha sostanzialmente alcun effetto sul mercato della proprietà di abitazione, almeno per il momento.

Dallo scoppio della pandemia, gli interessi ipotecari in Svizzera sono aumentati rapidamente. Ma nel confronto storico sono ancora a un livello estremamente basso. Nello stesso tempo, con la crisi si è ancora una volta rimandata una svolta sostenibile dei tassi. Si può supporre che gli interessi ipotecari rimarranno intorno ai livelli attuali o lievemente superiori. Il basso livello dei tassi supporterà così ulteriormente il mercato della proprietà di abitazione.

Tutto sommato, per gli appartamenti in proprietà si presuppone un lieve calo temporaneo dei prezzi. Poiché la proprietà dal punto di vista finanziario rimane più interessante della locazione e il livello dei tassi continua a essere di supporto, si prevede un calo dei prezzi solo di una percentuale molto bassa.

Mercato degli appartamenti in locazione – una maggiore offerta si scontra con una minore domanda
La domanda di appartamenti in locazione dovrebbe ridursi notevolmente in ragione dell'improvviso calo dell'immigrazione e della formazione di nuove economie domestiche. In generale si deve prevedere una diminuzione dei traslochi. La ripresa della domanda sul lungo termine dipende fortemente dalla ripresa dell'economia nazionale. Sul fronte dell'offerta il mercato degli appartamenti è invece molto fiacco. I progetti in fase di costruzione, anche se forse con un po' di ritardo, giungeranno sul mercato e aumenteranno ulteriormente l'eccesso di offerta già in essere. Grazie alle indennità per lavoro ridotto e ad assicurazioni sociali ben strutturate, per la grande maggioranza degli appartamenti in locazione gli affitti sono assicurati.

Poiché la crisi ha fatto in modo che i tassi rimarranno bassi fino a nuovo avviso, per gli operatori istituzionali gli investimenti immobiliari rimangono sostanzialmente senza alternativa sul lungo termine. Si pone la domanda tuttavia se il rallentamento relativo alle attività di progettazione e al mercato degli oggetti di reddito sia un fenomeno passeggero o duraturo.

I mercati degli immobili commerciali sono sotto pressione
Il mercato degli immobili a uso commerciale sarà quello più colpito dalla crisi. Anche se sul breve termine un certo aiuto giunge da crediti transitori, moratorie per gli affitti ecc., si devono prevedere sensibili rettifiche in questi mercati. «Riguarda soprattutto le aziende con piccole superfici commerciali», spiega Martin Neff. In questo segmento prevede un sensibile aumento degli sfitti e una riduzione degli affitti offerti. La crisi tuttavia influenzerà questo mercato anche sul lungo termine. Le offerte digitali, soprattutto gli shop online, in questi giorni registrano un gran numero di nuovi clienti, cosa che dopo la normalizzazione metterà sotto ulteriore pressione gli attori del mercato che erano già a rischio.

Al contrario delle superfici commerciali e retail, nel caso delle superfici per uffici non ci sono sostanzialmente argomenti per una riduzione degli affitti. Le aziende non sono state ufficialmente chiuse e si può continuare a lavorare. Nonostante gli uffici attualmente spesso vuoti, le aziende più grandi dovranno quindi continuare a pagare gli affitti. A medio termine tuttavia, soprattutto lontano dalle ubicazioni migliori, anche in questo ambito ci sarà una riduzione della domanda. Mentre l'offerta di piccole superfici da ufficio tendenzialmente aumenta, si riduce la corrispondente domanda e i prezzi dovrebbero scendere.

Sul lungo termine la crisi influenzerà il mercato delle superfici per uffici. Innumerevoli aziende hanno ampliato massicciamente e in brevissimo tempo le loro capacità di operare in home office, e stanno sperimentando che il lavoro decentralizzato ha molti aspetti positivi. La crisi legata al COVID-19 ha accelerato di alcuni anni la digitalizzazione, che per il classico mercato delle superfici per uffici continua a rappresentare una grandissima sfida.